FRANCESCA ANTONINO (ITA)

ITAENG

2 – 3 luglio / ore 12:30
Casa Mc Donough – Vico Lammatari, 35

Little Star_Inside

supported by H(abita)T – Rete di Spazi per la Danza; Comune di Budrio; Fienile Fluo; Maison Ventidue

si ringrazia Agostino Bontà e Spazio Danza Bologna

di e con Francesca Antonino

nutrimento sonoro: Francesca Antonino, Valerio Sirna, Silvio Marino

foto: Marco Mastroianni e Guido Calamosca

Antonino-1-foto-di-Marco-Mastroianni

Un paio di labbra.
Un luccichio, insegna al neon de-caduta.
L’immagine magnificata di un divo (o una diva?).
L’apparire di segrete zone di svago, l’abbandono alla vertigine
del flusso.
All’ebbrezza del volo.
Essere sulla cresta dell’onda.
Per poi precipitare. Di colpo.
Il decadimento. La decadenza.
Abbandonarsi all’intimità,
disfacendosi progressivamente del sé.

Little Star si precisa intorno ad un immaginario pop, riferendosi ad idoli musicali e cinematografici a cavallo tra gli anni ’50 e ’60: l’epoca del primo rock and roll e delle grandi stelle del cinema hollywoodiano. In un altalenare emotivo tra brio e declino, il corpo si ritrova posandosi nello spazio. Trova un luogo dove riconoscersi e dichiararsi, per perdersi nuovamente.

FRANCESCA ANTONINO (ITA)

Danzatrice e performer, rifinisce la formazione vivendo a Parigi e ad Amsterdam. Viene selezionata per Scritture per la danza contemporanea, formazione con Raffaella Giordano. A giugno 2015 viene selezionata per la Biennale College Danza di Venezia dal coreografo Salva Sanchis per Islands Revisited. Fa parte del progetto C.U.T.E. di Laura Pante, scelto per Choreographic Collision 7. È fondatrice e membro di Agostino Bontà, collettivo associato Sosta Palmizi. Fa parte del progetto Ballo 1890_Natura Morta di Virgilio Sieni.

fb-Francesca Antonino

una domanda da condividere con il pubblico
Chi è la Star, nella tua vita?

July 2 – 3 / 12:30 am
Casa Mc Donough – Vico Lammatari, 35

Little Star_Inside

supported by H(abita)T – Rete di Spazi per la Danza; Comune di Budrio; Fienile Fluo; Maison Ventidue
acknowledgement: Agostino Bontà e Spazio Danza Bologna

by and with: Francesca Antonino
sonic nourishment: Francesca Antonino, Valerio Sirna, Silvio Marino

photo: Marco Mastroianni e Guido Calamosca

Antonino-1-foto-di-Marco-Mastroianni

A pair of lips
Divine, spent
a blinding glitter
a fallen neon sign’s light
a divine image of a star projected on a ruffled screen
losing oneself within the flight, within the vortex
to be riding high
to collapse
the decay
letting go into the intimacy
gradually disposing of the self.

Little Star defines itself in a pop imagery, referring to music and films’ idols from the 1950’s and 1960’s: the outset of the rock and roll and the great Hollywood stars.
In an emotional sway between brio and decline, the body recovers only by placing itself into the space. It finds a place where recognize and declare itself, to get lost again.

 

FRANCESCA ANTONINO (ITA)

Dancer and performer, she improves her education in Paris and Amsterdam. She was selected for Scritture per la danza contemporanea, a training  with Raffaella Giordano. In June 2015 she was selected for the Biennale College in Venice by Salva Sanchis, for his work Islands Revisited. She is involved in C.U.T.E., a Laura Pante’s project, selected by Choreographic Collision 7. She is a founder and member of Agostino Bontà, an associated collective Sosta Palmizi. She is involved in Ballo 1890_Natura Morta, a Virgilio Sieni’s project.

fb-Francesca Antonino

a question to share with the audience
Who is the Star, in your life?