DYNAMIS (ITA)

ITAENG

1 luglio 18:30 / 2 luglio 15:30
Autorimessa Cava di Tufo – Vico Tronari, 20

produzione DYNAMIS / Teatro Vascello – TSI La Fabbrica dell’Attore in collaborazione con ASINITAS ONLUS

Ideazione e realizzazione DYNAMIS  

progetto visivo e comunicazione CO-CO

ufficio stampa Marta Scandorza per F/M PRESS

Dynamis

Il resoconto annuale dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Acnur), del giugno 2015, attesta che nell’ultimo anno circa 60 milioni di persone sono state costrette a migrazione forzata per sfuggire a scenari di guerra. La performance partecipativa m2 si interroga pragmaticamente sull’unità di misura da cui prende nome, il metro quadro, svelando alla fine le possibili sfumature, al limite tra umano e disumano, che quotidianamente assume. Il pubblico è l’essenza stessa dell’istallazione, la matrice dell’azione che si orchestra, attraverso semplici istruzioni veicolate da una hostess e da uno stuart, in un gioco collaborativo tra sconosciuti. Partendo da stime dedotte da casi reali presi ad esempio, la performance si sviluppa attorno ad una proporzione in scala, tra superficie circoscritta e persone coinvolte, di 1:20 – 1:5 – 1:10. Nei quadrati relativi, seguendo le regole del gioco, potranno trovare proporzionalmente spazio 5, 16, e 9 persone.

DYNAMIS (ITA)

Dynamis è un gruppo di ricerca artistica, una comunità di studio dedicata alle arti performative con base a Roma, al Teatro Vascello, dove trova uno spazio prezioso per la sua ricerca quotidiana. Se il pretesto è quello teatrale, il livello della ricerca si sposta continuamente su piani diversi, arricchendosi di collaborazioni apparentemente e canonicamente distanti dall’ambito: pedagoghi, illustratori, insegnanti illuminati, hackers, ufologi, agitatori, dj, studenti, pirate film makers, ONLUS che si occupano di rifugiati politici, riviste e amici. Tra le collaborazioni: Museo MAXXI, MACRO, Fondazione Romaeuropa. Vincitori del premio Movin’up, i loro interventi sono stati ospitati al Festuge Festival per i 50 anni dell’Odin Teatret.

dynamisteatro.it

 

una domanda da condividere con il pubblico
È il contesto che ci permette di definire se cento persone sono troppe o pochissime: cento persone per fare cosa?

July 1 – 6:30 pm / July 2 – 3:30 pm
Cava di Tufo – Vico Tronari, 20

Production DYNAMIS / Teatro Vascello – TSI La Fabbrica dell’Attore in collaboration with ASINITAS ONLUS

by DYNAMIS

visual project and communication CO-CO

press office Marta Scandorza on behalf F/M PRESS

Dynamis

 

The United Nations High Commissioner Refugee Agency’s (UNHCR) annual report of June 2015 attests that in the last year about 60 million people have been forced to migrate to escape war scenarios. The participatory performance m2 wonders pragmatically about the unit of measure from which it takes the name, the square meter. It ends revealing the possible nuances between human and inhuman that such unit takes on a daily basis. The audience is the real essence of the installation. It’s the matrix of the action that orchestrates itself through instructions conveyed by a hostess and a steward, in a collaborative game among strangers. Starting from esteems gathered from real cases used as example, the performance develops itself around the unit rate of 1:20 – 1:5 – 1:10 between the circumscribed surface and the people involved. In the referenced squares, following the rules of the game,  5, 16, and 9 people would proportionally fit in the space.

 

DYNAMIS (ITA)

Dynamis is a group of artistic research, a community study dedicated to the performing arts. It’s based in Rome at the Teatro Vascello, a valuable space for its daily research. If the pretext is theatrical, the level of research moves continuously on different extents, enriching itself with collaborations apparently and canonically distant from the field: pedagogues, illustrators, enlightened teachers, hackers, ufologist, dj, students, pirate film makers, ONLUS working with political refugees, magazines and friends.
Including collaborations: The MAXXI Museum, MACRO, Fondazione Romaeuropa. Winners of the prize Movin up, they’ve been hosted at the Festuge Festival for the 50 years of the Odin Teatret.

dynamisteatro.it

a question to share with the audience
Does the context define if hundred people are too many or too few: hundred people to do what?