CLAUDIA FABRIS (ITA)

ITAENG

#1. DARSI ALLA MACCHIA > 3 luglio ore 22:00
Casa Gesualdi Trono – via mezzocannone, 19

#2 LA CAMERIERA DI POESIA E I SUOI SERVIZI SOCIALI > 30 giugno
presso Aeroporto Internazionale di Napoli

#1. Darsi alla Macchia (mediterranea)

 

~2e3pagina~clo4k3

 

Nato per una lavanderia di Via Roma, a Reggio Emilia, fa tappa a Napoli dove artisti e pubblico verranno invitati a macchiarsi con la loro macchia mediterranea preferita (olio, vino, caffè…) e ritratti nell’atto. La fotografia verrà poi spedita come attestato per l’accaduto. Darsi alla macchia mediterranea è una dichiarazione d’amore incondizionata per il bacino del mediterraneo oggi tanto doloroso e dolorante e atto simbolico di brigantaggio civile, dove il brigante non è il fuorilegge ma chi non si conforma alle strade già tracciate, non si accontenta delle strade battute e cerca la fertilità della vita dov’è più rigogliosa, nella macchia per l’appunto. Anche perché le strade battute sono sempre l’unico luogo in cui non cresce mai nulla.

#2. La Cameriera di Poesia e i suoi servizi sociali

di e con Claudia Fabris

#2a Nostra Signora dei Palloncini

Nostra Signora dei Palloncini attraversa lo spazio come una visione, sospensione momentanea della consueta quotidianità, squarcio nel tempo lineare e razionale, slancio verso l’alto, rivelazione della condizione umana di calice, con la terra sotto i piedi e il cielo tra i capelli, nel cui respiro terra e cielo si mescolano, sfida della leggerezza sorridente alla gravità imperante. A chi le parla incrociandola, offre la possibilità di scegliere una parola arrotolata a caso tra cento differenti, ognuna con una definizione tratta dal Piccolo Vocabolario Poetico che sta scrivendo da alcuni anni e gliela regala come una Sibilla metropolitana.

#2b

Il Riciclaggio Poetico del Denaro / Piccolo atto poetico di rigenerazione civile

Il denaro è ciò che circola più velocemente nel mondo dopo le idee. E se lo riciclassimo utilizzandolo come mezzo di comunicazione, innescando piccole rivelazioni quotidiane direttamente nella mano di chi sta per pagare? Riciclare le banconote in “bianoconote”, farle uscire dal mercato per reinserirle dopo averle timbrate con un atto poetico utilizzando alcune parole tratte dal mio Piccolo Vocabolario Poetico e poi farle circolare, come un anticorpo. Sovrapporre un valore ad un prezzo, un lampo della coscienza al luccichio dell’oro, la creatività dell’Arte alle regole inesorabili del mercato.
Un piccolo rito che sia invito, augurio, scommessa, ispirazione, slancio fiducioso verso le mani sconosciute che le banconote incontreranno nel futuro e che quel futuro insieme costruiranno.

CLAUDIA FABRIS (ITA)

Claudia Fabris nasce a Padova nel 1973. Progetta spazi, installazioni ed interventi performativi che creano relazioni e sinergie tra la parola e la visione, l’ascolto e il gusto, in una ricerca artistica che trova nel corpo il proprio fulcro, coinvolgendo gli spettatori su differenti piani percettivi nella convinzione che la Bellezza e lo stupore silenzioso che genera possano ancora ricondurre ogni uomo allo spazio intimo e sacro della propria anima dove ogni trasformazione e rinascita trae origine, forza e nutrimento.

 

una domanda da condividere con il pubblico
Qual è la cosa più grande che l’arte può fare per voi? Siate irragionevoli e audaci nella risposta

#1 Sei disposto a darti alla macchia? Hai paura di non saperti più smacchiare? Cosa pensi di ciò che sta accadendo nel Mediterraneo in questi anni?
#2a Cosa pensi sia possibile e cosa pensi sia impossibile? Come leggi una coincidenza quando si manifesta nella tua vita?
#2b Cosa pensi sia il denaro? Credi davvero che un pomodoro possa avere un prezzo? Puoi davvero dare un prezzo ad un’ora della tua vita e crederci?

 

lacamerieradipoesia

#1. DARSI ALLA MACCHIA > July 3 – 10:00 pm
Casa Gesualdi Trono – via mezzocannone, 19

#2. THE SOCIAL SERVICES OF THE WAITRESS OF POETRY > June 30
at Aeroporto Internazionale di Napoli

#1. Take to the Mediterranean bush

 

~2e3pagina~clo4k3

 

After its debuts in a laundry, in Reggio Emilia, this photographic project arrives in Naples where artists and public will be invited to dirty their clothes with their favorite Mediterranean stain (oil, wine, coffee…). The picture will document what happened and will be sent to anyone who attendended. Take to the Mediterranean bush (in Italian we say “Darsi alla macchia” and it is a play on words, because “macchia” means both dirty and stain) is an unconditional declaration of love towards the Mediterranean basin nowadays so painful and sore and it is also a symbolic action of civil brigandage. The brigand is not an outlaw, but someone who does not choose roads already taken, who does not like well-trodden paths and looks for fertility where it is more abundant. Because he knows that trodden paths are the ones where nothing will ever grow

#2. The Social Services of the Waitress of Poetry

by Claudia Fabris

#2a   –   Our Lady of Balloons

Our Lady of Balloons walks through the space like a vision, a temporary suspension of everyday life, a tear in the continuum, an impetus upwards, a revelation that the human condition is like a chalice, with the earth under your feet and the sky in your hair, where the earth and the sky blends together in our breath. She challenges the governing gravity with her lightness. If you come across her and you speak to her she will give you the possibility to choose at random one world among a hundred, each one bears a different definition from her Little Poetic Vocabulary she has been writing for the last three years.

#2b   – The Poetic Money Laundering / a little action of civil regeneration

Money circulates so fast. What if we recycle it as a means of communication, triggering little daily revelations directly in the hands of people while they are paying? Changing banknotes in blank notes, stamping them with a poetic action, using for this purpose some words from my little Poetic Vocabulary, and afterwards making them circulating like an antibody. Superposing a value on a price, a lightening of conscience on the glittering of gold, the Art creativity on the inexorable rules of the market. A little rite that is also an invitation, a wish, a bet, an inspiration and a confident impulse towards the unknown hands that the banknotes will meet in the future and with which they will build that future together.

 

 

CLAUDIA FABRIS (ITA)

Claudia Fabris was born in Padua in 1973. She plans spaces, installations and performances that create relations and synergies between the words and the visions, hearing and taste. Her artistic research finds its fulcrum in the body, involving the audience in different perceptive levels.
She strongly believe that Beauty and the silent wonder that Beauty creates can reconnect each man with the intimate and sacred space of his soul where each transformation and rebirth take origin, strength and nourishment.

 

a question to share with the audience
Which is the greatest thing Arts can do for you? Be unreasonable and brave in the answer

#1 Are you willing to take to the bush (get dirty?) Are you worried to not be able to remove the stains anymore?
What do you think about what is happening in the Mediterranean Sea in the last few years?
#2a What do you think is possible and what impossible? How do you explain a coincidence when it happens in your life?
#2b What does money mean to you? Do you really believe that a tomato can have a price? Can you really put a price on one hour of your life and believe it?

 

lacamerieradipoesia