Fratello mio, Caino

 

 

 

 

Fratello mio, Caino

Lettura scenica in movimento
dal Caino di Lord Byron, dramma in versi del 1821.

 

TrailerVideo Integrale

 

 

 

Che colpa è se in sé non è una colpa?
La circostanza può colpa o virtù decider?
Se è così, saremmo schiavi…

Lord Byron

Il paradiso non è lontano, è un luogo che si pone tra me e chi è disposto ad ascoltarmi. Se le mie parole cadono nel vuoto, tanto vale scendere all’inferno. Se nessuno vuol sedermi accanto, diviene inutile il mio respiro. Siamo qui per lo Spettacolo. Entriamo in teatro ed occupiamo un posto, lo scegliamo accuratamente, e che sia vicino a chi conosce e condivide i nostri pensieri, per poterne discutere e sentirci liberi di far risuonare la nostra opinione. Ma non sempre ci è data questa fortuna, più spesso siamo soli, non tanto nella quotidianità, ma in quello spazio interminabile e senza tempo che alberga dentro di noi. Lì possiamo incontrare Caino. Sederci accanto a lui e ascoltare dall’inizio come fu che si ritrovò ad essere per tutti noi il primo assassino. Nella postfazione la traduttrice Lucia Anessi scrive – Caino è in ogni uomo.

Caino è in noi, quando non supportati da una fede che tutto appiana, ci logoriamo in una lotta interiore disperata, quando indaghiamo sui quesiti eterni in una ridda di perché senza risposta; è in noi quando la direzione verticale del nostro desiderio di infinito, di assoluto, viene amputata da una frustrante realtà. Caino è immagine dell’individuo che conduce la sua lotta nel proprio spirito e in esso può creare la propria salvezza. Chiederemo al pubblico di sedere da soli ad ascoltare la storia di Caino riscritta da Byron. Per ogni spettatore una sedia vuota, un disequilibrio, una solitudine, una vertigine, un salto nel vuoto, sull’abisso degli spazi, da pari a pari il volo, per riuscire a vedere attorno a noi il paradiso e accanto a noi un fratello.

Fratello mio, Caino (2011)

di TeatrInGestAzione, ispirato a Caino di Lord Byron
itinerario pedagogico, cura della visione
Gesualdi | Trono

con gli internati dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario F. Saporito di Aversa (CE)