CARMINE G.

 

Carmine G., il “contatore”

Carmine G. è un uomo con un vizio: conta ogni cosa.

Il lavoro sarà una messa a fuoco o un’intromissione in casa di carmine g., tra le sue cose, i suoi “dispacci” (elenchi). una lente di ingrandimento su un uomo qualsiasi, quasi della porta accanto, sulla sua solitudine, sui dialoghi senza interlocutori, sul suo guardaroba, ecc …

foto-di-Fabrizio-Leverone-4

Il quartetto papanimico nasce dall’incontro onirico dell’attore Peppe Papa e i musicisti Alberto Falco Raffaele Natale e Antonino Talamo pronti e decisi ad attraversare l’oscuro mare della consapevolezza umana, coscienti dei condizionamenti di cui l’essere umano è vittima.

-contro ogni interferenza aliena-

Credo che sia molto importante soprattutto oggi portare il teatro altrove e il lavoro che affrontiamo noi in qualità di papanimici è un po’ questo, nel senso che ci siamo ritrovati ad “inventare” (o a rispolverare) un linguaggio capace di accedere a più persone e non solo relegato agli ammuffiti ambienti teatrali o musicali e basta, dove il pubblico è lo stesso che lo fa.

Ma queste ovviamente sono solo idee davanti ad una birra e credo che più in là, lavorandoci e facendo poi la prova col pubblico, si può meglio discutere su questo tema. a noi interessa raccontare una storia, ascoltando anche quelle che il luogo ci racconta